IL TUO PARTNER ITALIANO DAL 1987
Prodotti e Servizi in Odontoiatria
  • 00 Articoli € 0,00
spedizione gratuita oltre 130 €

Rischi di contaminazione batterica del riunito odontoiatrico, come prevenirli

Un breve aiuto su quali rischi di contaminazione del riunito e come prevenirli mantenendo l’igiene al suo interno.
Il riunito odontoiatrico è una “macchina” complessa in quanto per il suo utilizzo necessita sistemi diversi come i circuiti pneumatici, dove veicola l’aria compressa, i circuiti elettrici ed elettronici ed i circuiti idraulici dove passa l’acqua.

Quali le cause di contaminazione

Rischio pneumatico:

grado rischio: moderato

Un rischio possibile, è legato dalla aria che viene alimentata dal compressore, quest’ultimo ha un serbatoio di accumulo dove vi si può trovare al suo interno una componente liquida, condensa, nella stessa i batteri che possono arrivare dall’aria aspirata dal compressore, trovano un ambiente per il loro sviluppo.

La prevenzione si esplica nel:

  • Utilizzare compressori medicali con trattamento interno del serbatoio
  • Porre il compressore in una area “pulita”, evitando che aspiri aria inquinata
  • Utilizzare compressori che abbiano un sistema di essiccamento che evita la formazione di condensa
  • Utilizzare dei filtri dell’aria in entrata
  • Effettuare un controllo periodico del serbatoio, seppur dall’esterno, che non presenti parti ossidate o arrugginite.

Rischio idro / pneumatico:

grado rischio: moderato

Un rischio possibile, è legato al circuito dell’aspirazione chirurgica, nella stessa i batteri arrivano direttamente dalla bocca del paziente. 

La prevenzione si esplica nel:

  • Sterilizzare e utilizzare monouso per ogni paziente sterilizzare i raccordi e le cannule
  • Utilizzare liquidi disinfettanti giornalmente
  • Utilizzare protezioni monouso nel gruppo cannule

Rischio idraulico:

grado rischio: medio/elevato

Tale rischio lo possiamo dividere/trovare in 2 sotto-sezioni:

1) gruppo idrico bicchiere / bacinella

grado rischio: medio

Gruppo idrico (bicchiere e bacinella) dove l’acqua in entrata è contaminata da batteri ed il riunito non ha un filtro o dispositivo che non permetta agli stessi di entrare nel suoi circuiti.

Prevenzione:
  • Utilizzo di filtri anti legionella con periodica sostituzione annuale
  • Utilizzo di sistemi ad ultravioletti che debatterizzano l’acqua in entrata
  • Utilizzo di sistemi di disinfezione dell’acqua tramite filtri osmotici ed additivazione di componenti disinfettanti quali ad esempio il biossido di cloro o altro disinfettante dell’acqua.

Gruppo idrico (bicchiere e bacinella) quando i circuiti che portano l’acqua vengono inquinati per contatto, ricordiamoci che la bacinella in particolare ospita nella sua funzione la componente fortemente inquinata.

Prevenzione:

  • Utilizzo di erogatori/beccucci smontabili ed autoclavabili
  • Particolare attenzione alla disinfezione con liquidi spray dedicati

2) Spray degli strumenti

grado rischio: elevato

Tavoletta strumenti (spray) dove l’acqua in entrata è contaminata da batteri ed il riunito non ha un filtro o dispositivo che non permetta ai batteri di entrare nel suoi circuiti.

Prevenzione come sopra

  • Utilizzo di filtri di tipo osmotico con periodica sostituzione
  • Utilizzo di sistemi ad ultravioletti che debatterizzano l’acqua in entrata
  • Utilizzo di sistemi di disinfezione dell’acqua tramite filtri osmotici ed additivazione di componenti disinfettanti quali il biossido doro

Tavoletta strumenti (spray) endogeno, probabilmente tra i rischi lo classificherei il più alto per ragioni sia di probabilità che di protocolli preventivi non sempre applicati. Tale rischio avviene quando i circuiti che portano l’acqua vengono inquinati per contatto e/o riaspirazione, quest’ultima è un effetto fisico dovuto al blocco comandato dal reostato/pedale del riunito, del funzionamento dello strumento rotante e della relativa erogazione dell’acqua dello spray.
Tale blocco serve ad evitare che quando interrompo l’utilizzo e ripongo lo strumento continui a gocciolare, tale funzione però genera un effetto fisico di riaspirazione.
I riuniti moderni hanno il sistema antireflusso, ma quest’ultimo nell’arco del tempo perde la sua efficacia e la riaspirazione, seppur in maniera minore, si attua inquinando prima lo strumento rotante, turbina o contrangolo e poi risale lungo i cordoni degli strumenti inquinando i circuiti idrici del riunito, in questo punto abbiamo la maggior criticità in quanto all’interno dei microtubi che non sono stati periodicamente disinfettati, troviamo il Biofilm che è a sua volta un “amplificatore” o meglio, un luogo ideale di sviluppo per i batteri, Il biofilm è di difficile rimozione se non con lavaggi con appositi componenti effettuati con dispositivi esterni.

Prevenzione:

  • Sistemi integrati di alimentazione acqua osmotica addittivata da perossido di cloro o agenti disinfettanti controllati similari, in questo caso l’erogazione in continuo con acqua disinfettata permette di mantenere ai minimi livelli la formazione di biofilm all’interno dei circuiti idrici , inoltre l’alimentazione del riunito con acqua a bassissimo contenuto di calcio evita malfunzionamenti ai componenti del riunito.
  • Utilizzo di sistemi di alimentazione di acqua, un esempio è la classica bottiglia montata sul riunito, che opportunamente caricata con blando disinfettante può erogare in continuo la miscela, si parla di blando disinfettante in quanto la stessa miscela viene veicolata all’interno della bocca del paziente per cui sarà cura del medico informarsi sulla compatibilità della stessa nella “pseudo somministrazione” ai pazienti.
  • Come sopra ma con utilizzo opportunamente caricata con disinfettante/sterilizzante di alto livello che permette un lavaggio periodico più o meno frequente passando tra un paziente e l’altro o a fine serata con relativo risciacquo con acqua non disinfettata per evitare che le componenti in circolo del disinfettante possano arrivare al paziente.

 

Monticelli Greenwood Dr. Danilo
Dentalgreen srl
Se vuoi approfondire chiamaci allo 0721 405153