Prodotti e Servizi in Odontoiatria

Contattaci 0721 405153 / 800 551060

DAL 1987 CON VOI
  • 00 Articoli € 0,00

Superammortamento del 140%: Leasing o rating per attrezzature odontoiatriche

Dr. Michele Bertuccioli, Commercialista - Pesaro

Opportunità 140 % e distinzioni tra leasing e Renting alias noleggi operativi

Superammortamento del 140%



La legge di stabilità 2016 offre una opportunità che, osservando il passato capita ogni 20 anni, l’ultima legge Tremonti, che per applicazione e benefici offerti era seppur diversa dalla attuale è stata in vigore nell’anno 1996, dopo quella legge il settore Odontoiatrico non ha visto altri “aiuti” ed il mio personale parere è che anche nel caso della legge 2016 relativa al 140% l’estensione al mondo odontoiatrico è stata gioco forza automatica, ma non aspettiamoci agevolazioni dedicate per il settore come avviene per altre situazioni, detto ciò cosa permette la legge:

Leasing reting per attrezzature odontoiatriche, superammortamento

 

Il professionista o la società che acquistano beni strumentali dove gli stessi vengono messi in funzione prima del 31 dicembre 2016 potranno portarli in detrazione secondo il loro piano di ammortamento o secondo le rate del leasing con una maggiorazione del 140%, per evitare malumori dettati da tecnicismi userò un esempio basato sulle 2 tipologie possibili:

1) Acquisto senza utilizzo di un leasing

2) Utilizzo/Acquisto tramite leasing

 

 

1) Acquisto bene con pagamento non leasing:

Bene odontoiatrico del valore di 10.000 €,
il suo normale ammortamento è pari ad 8 anni, ovvero 10.000/8 = 1.250 € anno questa è la quota che detrarrò dall’imponibile dichiarato.
Nel caso dell’applicazione del superammortamento l’importo potrà essere maggiorato al 140% ovvero ( 1.250 X 140% = 1.750 € la quota sarà valida per tutti gli otto anni dell’ammortamento.

2) Utilizzo ed acquisto bene tramite leasing:

Bene odontoiatrico del valore di 10.000 €,
il leasing permette di ridurre fino alla metà del tempo il periodo di ammortamento , ovvero 8/2 = 4 anni, se consideriamo una rata ipotetica per il valore sopra espresso nei 4 anni la stessa sarà indicativamente pari a 240 €.
Nel caso dell’applicazione del superammortamento l’importo di detrazione potrà essere maggiorato allo stesso coefficiente di cui sopra ovvero 240 € X 140% = 336 € mese dove paragonandolo nello stesso periodo annuale come sopra avremmo 336 € X 12 = 4.032 € per l’intera durata del leasing.

Riassumendo:

Bene strumentale
valore 10.000 €
 
 Acquisto 
ammortamento 
standard
Ammortamento
al 140%
 
Ammortamento
leasing standard
per 12 mesi
Ammortamento 
leasing 140%
per 12 mesi

Detrazione annua

1.250 €

1.750 €

2.880 €

4.032 €

 

E’ evidente il beneficio generato da tale applicazione impattando direttamente sulla base imponibile per l’intero periodo dell’ ammortamento.

Una ultima , seppur “spannometrica riflessione” dove volendo semplificare ulteriormente l’acquisto di un bene al valore di 10.000 € mi permette di detrarne 14.000 € , considerando il livello di tassazione vigente risulta abbastanza facile individuare, quanto il bene venga a costare effettivamente, detratti i benefici fiscali sopracitati.

Distinzione tra leasing e Renting

Non è chiaro al momento se il Renting possa beneficiare del 140%, ma comunque alla base è bene avere ben chiaro le differenze tra un leasing ed un renting:

RENTING:

Viene utilizzato in varie modalità che possono comprendere sia il puro noleggio o anche la manutenzione comprensiva dei pezzi di ricambio necessari , le varie modalità , nel caso delle più complete elevano l’importo della rata se confrontate con un eventuale acquisto ma permettono all’utente di avere un bene sempre attuale ed in perfetta efficienza. Inoltre in quanto noleggio non esiste una durata fissa , potrei noleggiare un bene anche per 12 mesi e portarlo interamente in detrazione dove stabilito dalla legge. 

Vantaggi:
Utilizzo di un bene sempre aggiornato quota di detrazione senza una durata minima,
( ricordo nel caso del leasing 4 anni nel caso di acquisto extra leasing 8 anni )

Svantaggi: Costo superiore Il bene non potrei mai acquistarlo* 

* In questo caso l’uso del condizionale è dettato dalla differenza tra normativa ed uso, che seppur in reconditi citazioni giurisprudenziali, l’uso può essere sua volta norma in assenza della stessa, in questo caso la norma esiste e la sua violazione potrebbe arrecare maggiori danni rispetto ai benefici in caso di applicazione , dove utilizzerei il termine recentemente coniato di “Contabilità creativa”. Cosa intendo, in alcuni casi il professionista , probabilmente mal consigliato, utilizza lo strumento del renting facendone un mix con il leasing per ottenere maggiori ipotetici vantaggi , ovvero utilizzando periodi più brevi dei classici ammortamenti, e fino a qui tutto rientra nella normativa , ma in alcuni casi si accorda con il fornitore che a fine periodo quest’ultimo acquista il bene e lo rivende al valore decisamente più basso in quanto già ammortizzato portando ipotetici benefici anche come valori dei beni strumentali in carico, questa operazione in caso di controllo sarà probabilmente vista come una elusione e l’importo recuperato con aggiunte varie di sanzioni, inoltre mi viene fatto notare che i beni utilizzati in ambito odontoiatrico sono classificati come MD Medical Device e tale classificazione, per una questione di sicurezza, impone una tracciatura dello stesso bene tramite l’utilizzo delle matricole , intendo dire che a seguito di un controllo difficilmente si possono trovare delle attenuanti basandosi sul fatto che il bene oggetto del Renting non è lo stesso di quello acquistato stranamente a fine periodo in quanto a seguito della verifica delle matricole la tesi non sarebbe sostenibile. In sintesi il Renting è un ottimo strumento se inquadrato nelle finalità già espresse sopra, un adattamento dello stesso metterebbe a serio rischio il beneficio temporaneamente ottenuto.

LEASING:

Lo strumento probabilmente più usato in ambito odontoiatrico e non solo , è una formula di noleggio del bene con possibilità di acquisto alla fine del periodo, intendo dire che nel periodo stabilito per il leasing il bene è di proprietà della società di leasing e solo a fine periodo il bene può essere acquistato ad un valore percentuale definito all’inizio nel contratto, i vantaggi sono dati dalla riduzione fino alla metà del periodo di ammortamento e dalla totale deducibilità dell’importo della rata che spesso contiene anche l’assicurazione sul bene, attenzione però, in quanto la deducibilità parte dal giorno in cui si attiva il contratto, ovvero se attivo un contratto a dicembre potrò portare in ammortamento solo una mensilità, per cui se l’obbiettivo è anche quello di ridurre la tassazione per l’anno in corso, è bene attivare il leasing quanto prima.

Per chiudere, ho cercato di spiegare un argomento complesso utilizzando il minor numeri di tecnicismi contabili , il chè potrebbe portare ad una descrizione non perfettamente corretta, ma sicuramente può essere una base di riflessione con il vs. fiscalista di fiducia.

Dr. Michele Bertuccioli
via Nitti 28
Pesaro